Pioggia di bollette dal consorzio di bonifica: cittadini infuriati.

Dopo Pontecorvo anche ad Aquino e a Esperia sono arrivati gli avvisi del Valle del Liri. Mazzaroppi ha richiesto un incontro urgente col commissario: «Tassa iniqua»
Centinaia di messaggi e telefonate, decine e decine di persone infuriate in comune sventolando le bollette del consorzio di bonifica Valle del Liri.
Una pioggia di “bollette” in questi giorni ha colpito la città di Aquino e ha fatto infuriare, soprattutto, i cittadini che risiedono in condomini e in zone urbane da sempre esclusi dal pagare la quota al consorzio. Altro problema sono arrivate già scadute.
«Una tassa iniqua», ha commentato il primo cittadino Libero Mazzaroppi che è pronto a dare battaglia. Anche lui, come centinaia di aquinati, è stato raggiunto da un avviso di pagamento per un locale in centro. «Ho fatto richiesta per un incontro urgente al commissario Riccardo Casilli per rappresentare le nostre perplessità. Azioneremo tutti i dispositivi possibili previsti dalle norme per evitare un balzello del genere. Noi, come Comune, siamo attenti a non tassare in eccesso i nostri concittadini e ora ci troviamo di fronte ad avvisi come questi. Se devono sanare dei debiti del passato tagliassero le indennità oppure chiudessero. La vera bonifica andrebbe fatta a monte. Questo accade quando non c’è più la politica, è l’ennesimo atto di arroganza nei confronti del nostro territorio».

(fonte Ciociaria Oggi)

ALLERTAMENTO PER CRITICITA' CODICE GIALLO.
Alfa Romeo Piedimonte, Mazzaroppi: conferma dei piani Fca insufficiente, servono più investimenti.