Dalle tenebre spuntò una luce, lo Stabat di Rossini per vincere la violenza in tre concerti a Ceccano, Aquino e Pofi.

Tre concerti per non dimenticare, tre concerti per far emergere la luce dalle tenebre della guerra e della violenza terribile della Shoah. E saranno le note dello Stabat Mater di Rossini a cercare il miracolo della trasformazione delle tenebre in luce. E’ questo il senso di ex tenebris Lux fulgebit, l’iniziativa del Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres, con il contributo della Regione Lazio, in occasione della Giornata della Memoria. I tre concerti avranno luogo sabato 26 gennaio, alle ore 18,30 nella Chiesa di S. Maria a fiume, a Ceccano, in occasione del 75° anniversario della distruzione della Chiesa avvenuta durante il bombardamento del 26 gennaio 1944. Gli altri due avranno luogo ad Aquino, il 27 gennaio, nella Chiesa della Madonna della Libera alle ore 20,30 e a Pofi, il 31 gennaio alle ore 18,30 nella chiesa di S. Maria. Per consentire alla bellezza della musica di far emergere la Luce dalle tenebre l’esecuzione dello Stabat sarà affidata alle voci soliste di Vittoria D’Annibale, soprano, Fabiola Mastrogiacomo, mezzosoprano, Enrico Talocco, tenore, Michele Migliori, baritono, con il Coro del Concentus Musicus Fabraternus Josquin Des Pres e con l’Orchestra Sinfonica Francesco Alviti. La direzione è affidata a Mauro Gizzi

L’Amministrazione Comunale di Aquino commemora la Shoah.
Aquino (FR) – Il Comune sempre più vicino agli anziani che hanno bisogno. Promosso un protocollo con Anteas.