Aquino: Santa Maria della Libera entra nella Rete delle Dimore storiche del Lazio. La soddisfazione degli amministratori.

Da oggi, il complesso architettonico-paesaggistico di Santa Maria della Libera ad Aquino può vantare l’accreditamento alla Rete delle Dimore, Ville, Paesaggi, Parchi e Giardini di valore storico-artistico della Regione Lazio. Infatti, il Bur n° 13 di ieri, 12 febbraio, riporta l’esito favorevole alla richiesta dell’Amministrazione comunale dell’accreditamento dell’edificio alla Rete regionale.
“Un risultato che, oltre ad essere motivo di orgoglio per la città, avrà certamente un importante riscontro in termini pratici – dice con soddisfazione la consigliera Rossella Di Nardi – poiché l’accreditamento è il presupposto di eventuali concessioni di sostegno stabilite dalla Legge regionale 6/2016, essendo la Rete finalizzata a promuovere interventi di valorizzazione, fruizione, conoscenza e informazione dei beni che ne fanno parte. L’accreditamento ci consentirà già nell’imminente primavera di partecipare alle iniziative promozionali organizzate dalla Regione per le quali ci siamo già concretamente attivati”.
Il sindaco Libero Mazzaroppi aggiunge: “Presto illustreremo nel dettaglio le attività con le quali intendiamo partecipare alla seconda edizione delle Giornate di apertura straordinaria previste ad aprile, con eventi di animazione culturale ed enogastronomici. Il complesso di Santa Maria della Libera, oggi impreziosito da questo ulteriore riconoscimento, era già stato considerato di grande interesse pubblico con il Decreto Ministeriale del 22 ottobre 1970, per il quadro naturale di rilevante bellezza che costituisce. A distanza di anni, il suo fascino continua a sorprendere. Siamo particolarmente onorati di condividere la sua meraviglia con chiunque non abbia avuto occasione di visitarlo. Nonché di divulgare, insieme a quella del complesso, la storia della nostra Aquino”.

Aquino: Nasce il servizio di raccolta degli oli alimentari esausti. Soddisfatti gli amministratori.
Aquino, diecimila euro dalla Regione per il Piano di Protezione Civile che regola le emergenze comunali.